Pacchi Postali: storia del servizio

Il servizio fu istituito sperimentalmente dalle Poste tedesche nel 1875 per consentire l’invio di merci e oggetti anche in località non servite da Società ferroviarie, linee di navigazione e altri trasportatori privati, gli unici che se ne occupavano a quell’epoca in tutto il mondo. Nel 1878, al Congresso di Parigi che vide la nascita dell’UPU, il servizio fu introdotto a livello internazionale, mentre per l’interno ogni Paese poteva lasciarne la gestione ai privati (come fecero Francia e Gran Bretagna) o assumerla direttamente, come fece l’Italia dal 1º ottobre 1881.

Inizialmente, essendo previsti solo pacchi fino a 3 o 5 kg, era ammesso spedirne fino a tre con un unico bollettino allo stesso destinatario, purché fossero in pratica uno stesso pacco suddiviso. Per oltre 40 anni non venne imposta alcuna privativa su tale servizio; il monopolio di Stato fu stabilito solo dal 15 ottobre 1923 e soltanto sui pacchi fino a 20 kg. Dal 16.3.1925 vennero ammessi per via aerea e dal 1.9.1936 per espresso.

A causa della guerra, i pacchi aerei non furono più accettati dal 12.6.1940, mentre il peso massimo di quelli ordinari ed espressi venne limitato a 5 kg dal 1.12.1942, salvo per apparecchi ortopedici e protesi, ammessi fino a 10 kg. Con gli avvenimenti successivi all’armistizio, il servizio dei pacchi fu totalmente sospeso: solo nella Repubblica Sociale venne ripreso, soprattutto per l’invio di materiali ortopedici e sanitari e in funzione dei militari e degli italiani in Germania, ma senza servizi accessori. Il servizio venne poi riattivato fra il luglio e l’agosto 1946. Dal 1.1.1950 furono riammessi i pacchi aerei: oltre alla soprattassa aerea era richiesto obbligatoriamente il diritto di espresso.

Per l’affrancatura si usarono svariati sistemi: inizialmente si impiegavano semplici moduli e il bollo R.P.PAGATO; dal 1º gennaio 1884 entrarono in uso bollettini che viaggiavano separatamente dal pacco, affrancati con segnatasse e dal 1º luglio 1884 mediante speciali francobolli; dal 1º febbraio 1888 furono emessi i primi bollettini di spedizione con valore d’affrancatura, che andavano eventualmente integrati con normali francobolli; dal 1º luglio 1914 i francobolli da usare in questi casi furono di uno speciale tipo a due sezioni, da applicare a cavallo del bollettino e della sua ricevuta (un’esclusività italiana!); dal 1º agosto 1957 nel servizio interno entrarono in uso piccoli bollettini a targhetta in tre tipi – bianchi per pacchi ordinari, arancio per pacchi ordinari con assegno e verdi per pacchi valore – da allegare al pacco e da affrancare con gli speciali francobolli doppi e dal 1978 con normali francobolli; dal 1º gennaio 1983, dopo alcuni esperimenti, si impiegano bollettini a decalco in 4 parti – sempre in tre tipi e tre colori – che sono affrancati con normali francobolli e vengono allegati al pacco entro una tasca trasparente autoadesiva. Dal 1932 fu possibile utilizzare anche le affrancatrici meccaniche, con impronte rosse di tipo speciale, purché applicate su bollettini stampati dall’utilizzatore.

A differenza di San Marino, il Vaticano non seguì il sistema italiano dei francobolli doppi, ma utilizzò normali francobolli, anche se per qualche tempo appositamente soprastampati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *